Molar incisor hypomineralization può essere tradotto come ipomineralizzazione e con tale termine viene indicata una delle maggiori problematiche riguardanti lo smalto dentario nei bambini. In caso di MIH lo smalto subisce, durante la sua formazione, delle irregolarità, risultando spesso “debole” e non completamente costituito.

Solitamente l’ipomineralizzazione riguarda i primi molari e gli incisivi permanenti e la diffusione di tale patologia è abbastanza alta: in base alle statistiche si presume che oscilli dal 2,4% nel Nord Europa fino al 44% in Australia.

LE CAUSE…

Le cause della MIH sono molteplici:

  • ereditarie (familiarità nei difetti dello smalto),

  • fattori genetici,

  • fattori ambientale accorsi durante la prima infanzia,

  • fattori che riguardano la fase della gravidanza: parto prematuro, complicazioni durante la nascita,

  • terapie antibiotiche nei primi mesi/anni di vita,

  • malattie nei primi anni di vita che possono generare questa ipomineralizzazione ( ad esempio patologie che causano alterazioni nell’equilibrio fosfato-calcio, scarso apporto di ossigeno a speciali cellule dette ameloblasti, malattie che riguardano il tratto respiratorio, asma, polmoniti, infezioni dell’apparato urinario,ecc… ).

Per ciò che attiene i fattori genetici e che riguardano l’etnia sono ancora in corso diversi studi ed approfondimenti, per il momento è emerso che nei gemelli è superiore la percentuale di rischio di sviluppo di tale patologia, come anche nei bimbi le cui madri hanno avuto infezioni faringee ed hanno contratto febbre alta durante il periodo della gravidanza.

Dagli studi è anche emerso che alcune situazioni sistemiche possono avere una stretta correlazione con la patologia MIH, tra queste ricordiamo :

carenze nutrizionali, celiachia, patologie gastrointestinali e disturbi neurologici.

Ulteriori ipotesi di cause sono: tonsilliti, carenza di vitamina D, diossine presenti nel latte materno durante la fase di allattamento, e, più in generale, problemi generici di salute emersi nei primi 3 anni di vita del bambino ( ossia nel periodo dedicato alla mineralizzazione dei molari e degli incisivi permanenti).

 

COME SI MANIFESTA MIH…

Nel momento dell’esame clinico lo smalto di questi elementi dentali sarà caratterizzato da piccole macchie antiestetiche e difetti di mineralizzazione ( di più o meno grave livello).

Nelle zone in cui la ipomineralizzazione è lieve si noterà un cambiamento di colore ( sarà molto tendente al bianco latte), mentre ad un livello moderato di MIH si noterà un colore giallo-brunastro con tendenza alla perdita di smalto.

Infine, nei casi più gravi, il vostro dentista di fiducia osserverà una perdita di tessuto dentale, non solo a livello di smalto, ma anche a livello a strati più profondi della dentina.

Tali lesioni vanno curate, in quanto col tempo tenderanno ad aggravarsi e saranno esposte al rischio di contaminazione batterica che avrà come risultato finale l’insorgenza di una lesione cariosa.

I bambini colpiti da MIH proveranno spesso un senso di dolore durante lo spazzolamento dei denti e saranno particolarmente sensibili alle variazioni della temperatura ( basterà inspirare aria fredda per provare fastidio). Lo smalto poroso darà quindi vita al comune fenomeno di ipersensibilità dentinale.

COME SI CURA…

In caso MIH il vostro dentista di fiducia procederà attraverso trattamenti finalizzati alla mineralizzazione e alla desensibilizzazione degli elementi dentali dei più piccoli.

Ruolo importante sarà ricoperto anche dall’igienista dentale il quale procederà, d’accordo col vostro dentista di fiducia, ad applicazioni topiche di fluoro e di mousse remineralizzante. Attualmente i prodotti a base di caseina si sono dimostrati estremamente efficaci in caso di ipomineralizzazione dentale. Tali mousse contengono calcio, fosfato, fluoro e sono in grado di fornire allo smalto degli elementi dentali ipomineralizzati il giusto apporto di minerali. Sia in caso di applicazione topica di fluoro, sia di mouse remineralizzante è importante non bere e non mangiare per almeno 30 minuti, per far sì che le sostanze agiscano sullo smalto dentale.

Come la maggior parte dei trattamenti si renderà necessaria un’applicazione costante: in base ai consigli del vostro dentista ed igienista di fiducia si valuterà ogni quanto tempo sottoporsi a tale applicazione ( indicativamente tale termine oscillerà tra i 3 ed i 6 mesi).

 

Concludo tale articolo sottolineando come la prevenzione e la diagnosi precoce di questa ( come di ogni) patologia risulti fondamentale. Mantenere un’ottima igiene orale quotidiana, utilizzare il filo interdentale dopo ogni pasto, sottoporsi a controlli periodici e sedute d’igiene orale saranno i primi alleati della vostra salute orale.

Sabrina

Fonti:

Eur Arch Paediatr Dent (2010). Prevalence and Diagnosis of Molar-Incisor- Hypomineralisation (MIH): A systematic review.

American Academy of Pediatric Dentistry (2008). Guidelines on Pediatric Restorative Dentistry. Reference manual.

 

Menu