Il Laser

Il laser è uno strumento ad elevata tecnologia impiegato nei settori più disparati della vita civile, industriale, commerciale, in fisica e nei settori della telecomunicazione. In medicina ha conosciuto aree di grande sviluppo, basti pensare all’oftalmologia dove è diventato lo strumento terapeutico principe grazie all’azione fototermica che serve a trattare una serie di patologie. Prima fra tutte il distacco di retina. Altri campi della medicina hanno beneficiato dell’apporto energetico mirato del laser, pensiamo alla Dermatologia e Chirugia estetica, all’Urologia, Chirurgia Vascolare, Neurochirurgia e l’elenco potrebbe protrarsi a tutte le discipline che implicano trattamenti chirurgici mirati.
L’Odontoiatria non poteva rimanere fuori dalla sfida tecnologia dell’applicazione di energia radiante applicata ai tessuti. 

PRINCIPALI UTILIZZI DEL LASER ODONTOIATRICO

PARODONTOLOGIA

Nel corso dell’ultimo decennio si è fortemente studiata l’applicazione del laser a diodo nellaparodontologia e nell’applicazione di protocolli di igiene orale: i risultati confermano come questa tecnica unitamente agli strumenti tradizionali porti ad un maggiore successo della terapia.

La parodontite è una malattia causata da infezioni o infiammazioni del parodonto, colpisce tre persone su cinque e, una volta che si è instaurata, è molto difficile che regredisca spontaneamente: solo l’intervento di un dentista specializzato porta al suo controllo e alla sua remissione.

L’obiettivo che si deve raggiungere è quello di ottenere lo stato di buona salute gengivale, la riparazione dell’osso alveolare e il ripristino nella forma e nella funzione della mucosa. I batteri anaerobici gramnegativo sono la causa più comune che provoca parodontite cronica nei soggetti adulti.

Il trattamento ha inizio con la cura delle superfici radicolari con l’eliminazione di eventuali concrezioni e di cemento infetto, al fine di consentire un riattacco connettivale non infiammato. Anche in questa
fase il laser è coadiuvante nella rimozione delle concrezioni, poiché indebolisce il legame tartaroradice grazie ad un effetto fotochimico.

Analgesia laser
Nella cura parodontale è sempre consigliato un primo passaggio con il laser per sfruttarne gli effetti
analgesici; il laser infatti inverte la pompa sodio-potassio della membrana cellulare per 30 minuti. In
tal modo sarà possibile operare con altri strumenti senza recare fastidio al paziente.
Decontaminazione tasca
Grazie al suo effetto decontaminante il laser a diodo ci permette un ampia e rapida decontaminazione della tasca gengivale. Il trattamento Laser parodontale è minimamente invasivo e ben accettato dal
paziente. Un solco gengivale normale è profondo 2/3mm circa. La placca batterica che si deposita nel solco, se non viene rimossa, provoca infiammazione e distruzione di questo attacco che per difendersi migra più in basso. Il solco gengivale si approfondisce realizzando una formazione patologica che prende il nome di tasca parodontale. Qui annidata, la placca si arricchisce di germi che sopravvivono in assenza di ossigeno e provocano danni alle strutture di sostegno della radice
del dente. Con il laser risulta più semplice e meno invasivo per il paziente penetrare nella tasca gengivale. L’intervento consiste nell’irradiare la zona da decontaminare ed eliminare batteri e germi che si sono annidati all’interno della sacca ed innescare una disinfiammazione della zona trattata. Il tutto in assenza di anestesia. Saranno necessarie 3/5 sedute al fine di ottenere una decontaminazione totale ed una completa “chiusura” della tasca grazie all’effetto di biostimolazione del laser. Può essere inoltre eseguito da Igienisti dentali professionali dato il basso livello di potenza necessario.
Recessione gengivale
Nel caso di recessione gengivale il doppio eff etto decontaminante e biostimolante porterà i tessuti molli a riacquistare la loro forma fisiologica, nel quadro di una terapia di igiene completa.
Biostimolazione gengiva
L’altro effetto fondamentale del laser è il suo potere biostimolante. Defocalizzando il fascio laser con gli opportuni puntali, è possibile somministrare a tessuti sottoposti a chirurgia una quantità di energia tale da stimolare i processi metabolici con conseguente rigenerazione tissutale.

CHIRURGIA

In campo chirurgico il laser è del tutto paragonabile al comune bisturi, presentando però delle caratteristiche ineguagliabili come emostasi, decontaminazione del sito operatorio, biostimolazione e analgesia. Con una buona conoscenza delle caratteristiche del laser è possibile utilizzarlo per svariate applicazioni, operando con un campo libero dal sangue, garantendo un’ottima visibilità.
L’effetto emostatico è notevole e non reca danno ai tessuti circostanti. La lunghezza d’onda 980nm del laser a diodo viene facilmente assorbito dalle sostanze scure come emoglobina e melanina, oltre all’acqua presente nel tessuto, determinando una notevole capacità di taglio.

Il laser, rispetto alla lama fredda del bisturi offre dei vantaggi indiscutibili:

  • Il bisturi incide in maniera precisa, ma non possiede la proprietà battericida o coagulante del laser;
  • Rispetto l’elettrobisturi è evidente la mancata fascicolazione del tessuto muscolare, che crea retrazione tissutale;
  • Il risultato di un intervento effettuato con il laser è prevedibile, infatti, in guarigione non si verifica ritenzione tissutale;
  • L’azione antisettica e biostimolante del laser riduce l’uso di farmaci postoperatori e riduce notevolmente i tempi di guarigione.

Le caratteristiche distintive del laser a diodo applicato alla chirurgia sono:

  • La precisione nel taglio dei tessuti molli senza che vengano alterati in alcun modo le situazione ossee;
  • La capacità di coagulazione lascia il campo operatorio “esangue” anche in pazienti affetti da problematiche di coagulazione o sottoposti a terapia anticoagulante ;
  • minor necessità di anestetici ;
  • minor traumaticità sia per i tessuti trattati che per quelli circostanti;
  • minor dolore post-operatorio;
  • minor edema post-operatorio;
  • assenza di trazione dei tessuti in fase di guarigione;
  • migliore estetica dei tessuti in fase post operatoria;
  • Guarigione migliore per seconda intenzione;
  • Minor uso di trattamenti farmacologici post operatori.

Grazie alla mancanza di ritenzione del tessuto in fase di guarigione, il laser diventa indispensabile per le operazioni di “rimodellamento” del tessuto molle orale, dove sia obbligatorio l’intervento chirurgico per riposizionare correttamente o asportare parti del tessuto.

Tessuto granulomatoso, fibrotico e normale
Non tutti i tipi di tessuto molle sono uguali, per questo è stato sviluppato un sofisticato sistema di modulazione degli impulsi laser TOP (Tissue Optimized Pulse). Sono stati creati dei protocolli specifici per tessuti molli con aspetto granulomatoso, fibrotico o normale: la potenza complessiva e la durata dell’impulso vengono modulati in modo tale da permettere di agire selettivamente, dando al tessuto il corretto tempo di rilassamento termico (tempo necessario al tessuti di smaltire il calore in eccesso).

Ogni tipo di tessuto infatti interagisce diversamente a contatto con il laser, data la diversa quantità emoglobina e melanina presente. Ad esempio, un tessuto fibrotico quindi scarsamente vascolarizzato richiederà più energia per la vaporizzazione, ma somministrando l’energia con impulsi brevissimi sarà possibile evitare la formazione di necrosi, grazie al corretto tempo di rilassamento termico tra un impulso e l’altro.

Coagulazione
Le proprietà emostatiche del laser permettono di utilizzare questa tecnologia per controllare emorragie intra/postoperatorie. Una delle proprietà del laser a diodi è quella di indurre un’immediata cicatrizzazione evitando l’insorgere di piccole emorragie che invece si verificano impiegando le tecniche tradizionali. In questi casi si procede con la pulizia della ferita e la rimozione dell’eccesso di sangue, seguito da una serie di passaggi con il laser a diretto contatto della ferita.

Questa procedura può essere utile in qualsiasi intervento dove risulti necessaria la pulizia del campo visivo e dove il processo naturale di coagulazione sia lento o insufficiente.

Ascesso
L’ascesso è un processo suppurativo che si sviluppa intorno al dente, secondo la localizzazione. Si distingue in ascesso periapicale (pus intorno all’apice radicolare) ed ascesso parodontale (pus all’interno dei tessuti parodontali). Incidere un ascesso significa creare una fistola artificiale per far defluire il materiale purulento.

A confronto con le tecniche tradizionali di drenaggio di un ascesso, l’utilizzo del laser a diodo permette un intervento decisamente meno doloroso per il paziente. Diminuendo l’energia, o utilizzando un anestetico topico, è possibile controllare l’insorgenza di dolore nel corso dell’operazione. Il sanguinamento è minimo, per cui si può inserire un drenaggio senza compressione. Il problema di ristagno dovuto da garze per tamponare l’emorragia viene dunque eliminato. Il raggio laser con il suo potere antisettico evita il manifestarsi di infezioni post operatorie.

Solco Preimpronta
Il rilevamento dell’impronta è un momento tecnico di estrema importanza che fa parte dell’iter procedurale che porterà alla realizzazione di un manufatto protesico congruo, duraturo nel tempo
e funzionale. Le impronte devono rispecchiare perfettamente la situazione tissutale e dentale del cavo orale del paziente.

Nell’ambito protesico il laser viene utilizzato per il taglio, il rimodellamento dei tessuti gengivali e mucosi, senza che venga interessato dai trattamenti il tessuto osseo di sostegno degli elementi sia naturali che implantari, e per le sue proprietà emostatiche.

Gengivectomia
Per gengivectomia s’intende l’asportazione chirurgica del tessuto gengivale fatta a livello dell’attacco epiteliale per la creazione di una nuova gengiva marginale. Questa procedura è utilizzata per eliminare le tasche gengivali o parodontali, per accedere ed eff ettuare interventi chirurgici ai tessuti parodontali altrimenti irraggiungibili, o per raggiungere l’interno della tasca per facilitare la rimozione del tartaro. Con il laser si limitano i traumi al paziente poiché si favorisce la cicatrizzazione durante la vaporizzazione del tessuto, non vi è sanguinamento. L’anestesia non è sempre necessaria: qualora il paziente avverta dolore è possibile applicare un gel anestetico topico, oltre al trattamento di analgesia laser prima dell’intervento.
Frenotomia
Il frenulo è un fascio di tessuto muscolare e fi broso rivestito da mucosa che si estende dalla mucosa alveolare alla linea di giunzione muco-gengivale (frenulo vestibolare) e dalla faccia ventrale della lingua al pavimento della bocca (frenulo linguale). Eseguire un intervento di frenulectomia significa praticare una rimozione parziale del frenulo o il suo riposizionamento. Questo intervento si esegue per facilitare la stabilità delle posizioni dentali o per alleviare la trazione esercitata verso il basso sulla lingua (frenulo linguale) da un frenulo corto linguale. Solitamente questo intervento viene eseguito su pazienti molto giovani e, proprio per questo, utilizzare il laser è la scelta più idonea. Il paziente che si sottopone all’intervento non sente dolore, ma se si desidera maggiore sicurezza si può applicare un gel anestetico sulla superfi cie del frenulo. Il tessuto irradiato viene vaporizzato all’istante mentre il campo operatorio è libero dal sangue (questo aspetto migliora anche la collaborazione dello stesso paziente). Il recupero post operatorio è semplice e veloce senza l’applicazione di punti di sutura.
Granuloma
Il granuloma è l’esito di un’infi ammazione e conseguente morte della polpa presente nel dente. Consiste in una massa di tessuto infetto (defi nito granulomatoso) di qualche millimetro di diametro, dalla forma tondeggiante, visibile radiografi camente all’apice della radice spesso asintomatica ma talvolta dolente alla masticazione.
Il granuloma apicale è un’infezione batterica localizzata nella mandibola o nella mascellare superiore. Questa infezione nelle radiografi e si presenta come una area scura. Generalmente la causa di questo processo è dovuto ad una carie del dente che non viene curata in tempo, per cui i batteri continuano indisturbati il loro cammino verso il nervo del dente (la camera pulpare). Una volta arrivati al nervo lo infettano e danno luogo alla così detta pulpite, che nella forma acuta può portare ad un ascesso (di solito determinando il caratteristico gonfi ore) oppure può cronicizzare determinando il granuloma. I granulomi sono responsabili d’infezioni focali e di ascessi dentali. Chiaramente questa infezione batterica cronica determina una risposta immunitaria da parte dell’organismo senza che questo però riesca a vincere l’infezione, in quanto i batteri si trovano indisturbati all’interno della radice del dente e da lì fuoriescono continuamente nell’osso attraverso l’apice del dente. Per decontaminare la zona, il laser è lo strumento più indicato: la pulisce eliminando i batteri che risiedono nella parte interna del dente.
Fibroma
Utilizzare il laser come strumento di taglio permette la rimozione e l’asportazione di parti di tessuto e quindi anche di neoformazioni, sia di natura benigna che maligna. A seconda del tipo di intervento può essere richiesto una successiva gengivoplastica.
Fibroma: i fibromi sono presenti principalmente nella zona del piano buccale e devono essere asportati se aumentano di dimensione o recano disturbo al paziente. Viene eseguito un intervento di escissione con laser 980 nm a basse potenze. Epulide: l’epulide è un tumore reattivo del parodonto scatenato da stimoli infi ammatori dovuti da una scarsa igiene orale. La terapia consiste nell’eliminazione dello stimolo infi ammatorio, seguito dall’escissione del tumore.
Iperplasia
Questa operazione chirurgica è spesso associata ad interventi di gengivectomia: si asporta il tessuto in eccesso senza sanguinamento e si rimodella il tessuto gengivale perché si ricostruisca la corretta
morfologia dell’apparato parodontale.
Con il laser a diodi e in presenza di un’ampiezza biologica suffi ciente, è possibile modellare il profi lo gengivale in modo che risulti perfettamente nella norma, con conseguente miglioramento estetico
e facilitazione dell’igiene domiciliare.
Fistula
È un’anormale apertura del tessuto gengivale attraverso la quale drena un ascesso periapicale. L’operazione si esegue tramite la tecnica di coagulazione intraluminale. Si irradia il condotto ed inizia un processo di coagulazione prima interna e poi esterna.

ENDODONZIA

Decontaminazione canalare
L’obiettivo del trattamento endodontico consiste nel rimuovere completamente il tessuto infetto, affinché il canale radicolare preparato sia il più possibile privo di batteri. L’effetto battericida del laser è efficace nel canale radicolare, nel delta apicale e nei tubuli dentinali fino a 500 micron di profondità, favorendo la guarigione di lesioni periapicali in tempi assai più brevi rispetto i trattamenti convenzionali.
Incisione della polpa
Pulpectomia
La pulpectomia è un intervento da praticare nel caso il tessuto pulpare sia compromesso in maniera irreversibile. Nel trattamento convenzionale si ha l’asportazione pulpare e l’alesatura dei canali. Si
può allora eff ettuare la chiusura dei canali con guttaperca. Si termina l’intervento otturando la cavità d’accesso. Con il laser invece, si eseguono la decontaminazione del canale per tutta la sua lunghezza, l’emostasi delle fibre pulpari residue dei canali laterali e principali e si aumenta la durezza delle pareti canalari. Rispetto alle metodologie tradizionali si riscontrano pareti canalari più pulite, senza residui organici; si ottiene un miglior sigillo dopo l’otturazione canalare.

Pulpotomia
Si tratta di una pulpectomia parziale con l’exeresi della sola polpa camerale. Il paziente riferisce sensibilità al caldo, al freddo e al dolce. Il dolore inoltre si accentua in posizione supina e qualche volta è impossibile per il paziente individuare il dente aff etto. Tale situazione può evolvere con la morte della polpa e infi ne con un granuloma o ascesso. L’asportazione della polpa con una terapia canalare laser assistita risulta essere meno dolorosa e defi nitiva: i batteri vengono eliminati e in alcuni casi non è neppure necessario una terapia farmacologia coadiuvante. Il suo sicuro eff etto emostatico permette di ottenere in tempi rapidi un buon prosciugamento della camera pulpare.

Apicetomia
L’apicectomia è indicata per quei casi in cui c’è ostruzione del canale, naturale o artificiale (uno strumento canalare o un perno non rimovibile). In presenza di un granuloma e di un canale non pervio (non raggiungibile dagli strumenti canalari), si ricorre a questo intervento che comunque è invasivo e debilitante per il paziente (il dente perde lunghezza e durata). L’intervento di apicectomia si effettua per il trattamento delle complicanze di un dente a polpa necrotica, ascessi e granulomi, ma solo nel caso in cui il trattamento o il ritrattamento endodontico (ortogrado) non sia praticabile. Consiste nella rimozione chirurgica dell’apice radicolare di un dente e dei tessuti molli circostanti
aff etti da condizioni patologiche. In presenza di un granuloma dentale è necessario intervenire perché l’affezione non può andare incontro a guarigione né spontanea, né in seguito a terapia farmacologica. Essendoci alla base un processo infettivo risulta quindi consigliabile utilizzare il laser per le sue proprietà battericide.

IMPLANTOLOGIA

L’implantologia benefi cia di alcune applicazioni laser soprattutto in merito alla risoluzione di casi di perimucosite o perimplantite. I laser a diodi rappresentano al momento, uno strumento idoneo per la seconda fase chirurgica o di rientro e per il trattamento delle perimucositi e delle perimplantiti in combinazione con le tecniche di rigenerazione guidata.

Scopertura impianti
Nell’implantologia vengono spesso utilizzati sistemi implantari a due fasi. Nell’ambito della seconda fase chirurgica occorre valutare in che misura sia il caso di ricorrere a interventi estesi di plastica del lembo per eseguire un incremento della mucosa cheratinizzata. In questo contesto il laser può essere impiegato con successo per una de-epitelizzazione minimamente invasiva o per la rimodellazione delle parti molli. Nelle regioni non rilevanti per l’estetica esponiamo di norma gli impianti col laser a diodi. Il vantaggio rispetto al bisturi è l’assenza di sanguinamento e la possibilità di cercare la vite di copertura tramite una piccola incisione che poi, dopo l’esatta localizzazione, viene ampliata
secondo la necessità.
Questa tecnica si può applicare anche nella regione degli incisivi se è presente uno spessore sufficiente di gengiva aderente. Se si sceglie di operare soltanto col laser, è possibile prendere anche l’impronta durante questa seconda fase, poiché i tessuti molli di copertura rimangono praticamente inalterati e la contrazione post operatoria è poco rilevante.
Perimplantiti
Le perimplantiti sono processi infi ammatori dei tessuti molli e duri che determinano rapidamente la perdita progressiva del supporto osseo, associata sempre a sanguinamento (sintomo assente nelle perdite ossee da sovraccarico) e spesso a suppurazione. Sono caratterizzate dalla perdita ossea progressiva a livello implantare che si verifica ad osteointegrazione avvenuta e che supera i limiti di riassorbimento osseo considerati normali per gli impianti; le perimplantiti sono la maggiore causa di perdita degli impianti stessi.
La causa principale di questa infi ammazione è la presenza di batteri; la placca batterica colonizza la superfi cie delle fi xture e determina la soff erenza, l’infi ammazione e il graduale riassorbimento dei tessuti.
Le sue dimostrate capacità di non alterare la superfi cie degli impianti, la peculiarità di decontaminare profondamente, di far regredire il processo infi ammatorio e quella di favorire ed accelerare il processo di guarigione (effetto biostimolante), rendono il dispositivo laser uno strumento quasi indispensabile.

COSMETICA

Sbiancamento
Lo sbiancamento dentale con il laser è il mezzo più rapido ed efficace per ottenere denti bianchi. L’azione sbiancante è indotta da un processo
di ossidazione. Un gel contenente H2O2 (perossido di idrogeno), viene steso sulla superficie di ogni dente e attivato dalla luce laser tramite un apposito manipolo che defocalizza il raggio. Grazie a questa attivazione il perossido innesca il rilascio di ossigeno che opera la scissione dei doppi legami dei pigmenti presenti nel denti, decolorandoli. L’uso del laser per ‘attivare’ il perossido di idrogeno velocizza radicalmente i tempi di applicazione, limitando la seduta dello sbiancamento a circa 30 min. A protezione delle gengive si applicano dighe foto-polimerizzabili che hanno il compito di impedire al perossido di idrogeno, disposto sugli elementi dentali della parte vestibolare, di andare a diretto contatto con la gengiva evitando così la sua infi ammazione.

Il sistema sbiancante Doctor Smile LWS TITANIUM con TiO2 (biossodo di titanio) è un prodotto professionale ad attivazione tramite i laser a diodo della linea Doctor Smile. TiO2 (Biossido di Titanio) è un pigmento fotocatalizzatore miscelato nella polvere che off re un bianco naturale e
fi ltra la luce evitando così possibili surriscaldamenti agli elementi. TiO2 consente l’utilizzo di una minore concentrazione di perossido d’idrogeno nell’agente sbiancante, in modo da ottenere effetti
sbiancanti analoghi aventi però minori effetti collaterali (come sensibilità, danneggiamento della superficie dentale).

Gum Smile
L’eccesso di tessuto gengivale, detto spesso gummy smile, è un altro importate intervento di natura prettamente estetica. Con il laser è possibile modellare il profi lo gengivale in modo che risulti perfettamente nella norma, con conseguente miglioramento estetico, senza dolore e sanguinamento.
Emangioma
Gli emangiomi sono spesso fastidiosi e antiestetici, tendono facilmente ad assumere dimensioni molto grandi. Quando presenti attorno al cavo orale (guance, lingua, labbro) possono rappresentare un problema anche funzionale quando interferiscono con la masticazione potendo essere traumatizzati dai denti e sanguinare copiosamente. Le comuni proposte terapeutiche si basano su interventi chirurgici invasivi che provocano emorragie e richiedono punti di sutura. Bastano pochi
minuti di irraggiamento laser per provocare la fotocoagulazione dei globuli rossi. La lesione diventerà biancastra e guarirà completamente nel giro di qualche settimana.
Depigmentazione
Con il laser è possibile eff ettuare la rimozione di macchie sulle gengive insorte naturalmente o causate dalla presenza di amalgama o altre sostanze pigmentate. L’effetto ablativo e coagulante del laser consentono la rimozione delle macchie senza provocare eccessivo dolore o sanguinamento.
Menu