Gentili pazienti bentrovati.

Spesso sentiamo parlare di affollamento dentale, nell’articolo di oggi ne individueremo l’origine, le cause e quali trattamenti risultino più idonei per correggerlo.

 

Ma partiamo dal significato di affollamento dentale: con tale termine viene indicata quella situazione in cui lo spazio all’interno della bocca (mascella e mandibola) non è sufficiente per ospitare tutti gli elementi dentali presenti e questi, di conseguenza, avranno la tendenza ad inclinarsi/ accavallarsi e sovrapporsi per ottenere lo spazio necessario.

 

Riconoscere la presenza di un affollamento dentale è molto semplice! Guardando sorridere una persona (senza bisogno di essere “del mestiere”) si noterà una disarmonia nella disposizione dei denti: essi risulteranno disallineati, in alcuni casi accavallati l’uno sull’altro o addirittura storti o comunque in posizioni anomale rispetto all’arcata dentaria (sia essa superiore, sia inferiore). Tale disturbo rientra nella più ampia categoria delle malocclusioni dentali.

In caso di affollamento si noterà prima di tutto un’impressione di disvalore estetico (comunemente infatti per indicare un problema di affollamento dentale viene detto “ha tutti i denti storti”), ma tale problema mostra risvolti negativi non solo a livello estetica, ma soprattutto a livello funzionale e di salute.

I denti disallineati potranno avere ripercussioni negative sulla nostra salute:

  1. Orale:

– Per il rischio di gengiviti e malattia parodontale (non riuscendo a mantenere una corretta igiene quotidiana ed aumentando il rischio di depositi di placca e tartaro),

Aumento del rischio di carie dei denti in questione (a causa delle difficoltà nelle pratiche d’igiene orale)

– Problemi agli elementi dentali (rischio di fratture o di scheggiare i denti chiudendo in maniera scorretta i denti)

Disturbi all’ATM (Articolazione Temporo-Mandibolare)

 

  1. Generale:

 

  • Il fatto che sia presente una malocclusione dentale avrà ripercussioni sulla nostra postura (esponendo il soggetto al rischio di soffrire di mal di schiena, avere disturbi posturali e muscolatori),
  • Potrà comportare insorgenza di cefalee, emicranie e mal di testa,
  • Disturbi del sonno (per via delle tensioni muscolari che la malocclusione comporta, il riposo risentirà di tale situazione).

 

 

Origine del disturbo…

Per quanto riguarda l’insorgenza dell’affollamento dentale vi sono molteplici spiegazioni.

A livello di evoluzione della specie si è portati a pensare che il cambiamento delle abitudini alimentari dell’uomo abbia portato con sé il diverso sviluppo delle ossa mandibolari e della mascella. L’uomo primitivo mangiava carne e cibi estremamente duri rispetto all’uomo moderno e per questo mostrava una muscolatura ed una mascella molto più ampia e forte rispetto alla nostra. Conseguenza? Il numero di denti e lo spazio da questi occupati risulta spesso maggiore rispetto allo spazio disponibile per ospitarli.

Ulteriore causa è quella genetica: il soggetto spesso eredita denti con dimensioni più ampie rispetto allo spazio disponibile nell’arcata dentale; conseguenza sarà l’accavallarsi ed affollarsi degli elementi dentali.

Infine tra le cause dell’affollamento ricordiamo le scorrette abitudini dell’età infantile: mangiare caramelle, merendine eccessivamente zuccherate e non lavarsi correttamente i denti può comportare la caduta prematura dei dentini da latte. In questo caso lo spazio creatosi nell’intervallo di tempo tra la caduta del dente e la crescita del dente definitivo può comportare uno spostamento dei denti definitivi che si spostano cercando di occupare gli spazi vuoti e che non rispecchiano quelli che naturalmente sarebbero i loro.

In generale possiamo quindi dire che l’affollamento dentale è legato alla dimensione eccessiva degli elementi dentali (la forma dei denti è troppo grande) o l’osso mandibolare/ mascellare risulta troppo poco sviluppato per fornire lo spazio necessario agli elementi dentali.

 

Correzione dell’affollamento dentale.

Il fatto che i denti assumano posizioni scorrette o che si accavallino comporterà diversi disturbi, per questo sarà necessario affidarsi al proprio odontoiatra di fiducia per trovare il trattamento che nel miglior modo si presta alla risoluzione di tale problema.

Il trattamento ortodontico risulta essere la soluzione più efficace e questo dovrà essere realizzato e personalizzato in base alle esigenze del paziente a cui è rivolto.

Partiamo da una distinzione fondamentale:

  • Correzione affollamento dentale nel bambino
  • Correzione affollamento dentale nel soggetto adulto

Nel primo caso, giocherà a favore della risoluzione del problema la giovane età del paziente: tramite una terapia ortodontica intercettiva sarà semplice e facilmente correggibile l’affollamento dentale. A tal proposito ricordiamo sia la vasta frequenza con cui tale disturbo si presenta, sia il fatto che la crescita e lo sviluppo di ossa e denti non sono ancora terminati, quindi sarà possibile agire in maniera più proficua e rapida. Le ossa del bambino risultano essere in continuo mutamento e già solo questo aspetto permetterà con la crescita di rendere minore il gap esistente tra le dimensioni dei denti e lo spazio presente nell’arcata dentale. In secondo luogo la dimensione dei denti molari da latte risulta spesso maggiore rispetto allo spazio che verrà occupato dai premolari definitivi, permettendo all’odontoiatra di sfruttare al meglio questo spazio per allineare e creare spazio agli altri elementi dentali.

Situazione in cui bisogna prestare attenzione è se i denti da latte dovessero cadere prematuramente (a causa di un urto, rottura, carie, ecc.): in questo caso si creerebbero i presupposti per lo sviluppo di una malocclusione dentale. Proprio per questo motivo è fondamentale sottoporre a costanti visite di controllo il vostro bambino per far sì che la situazione sia sempre monitorata dall’occhio esperto dell’odontoiatra.

A livello concreto due saranno le possibili vie da intraprendere per correggere l’affollamento dentale del bambino:

  1. Trattamento ortodontico (sia esso con apparecchio fisso, apparecchio bio-attivatore funzionale, ortodonzia mobile, quad helix ortodontico, Invisaling.)
  2. Estrazione di elementi dentali (tale pratica, valutata attentamente dal dentista, si utilizza raramente e solo in caso di affollamento grave o in assenza di soluzioni alternative: eliminando uno o più elementi dentali sarà possibile ricavare lo spazio necessario per consentire agli altri elementi dentali di assumere la corretta posizione in arcata).

 

Per quanto riguarda invece la correzione dell’affollamento dentale nell’adulto, invece, la situazione risulta diversa: essa è stabile, le ossa mascellari risultano completamente formate.

Per ciò che attiene la correzione, i metodi utilizzati riguardano sempre i trattamenti ortodontici poc’anzi citati, con la preferenza verso l’ortodonzia invisibile, per evitare stati di imbarazzo e avendo un occhio di riguardo verso l’aspetto estetico del paziente in età adulta. L’Invisaling (mascherine/ allineatori trasparenti) rappresenta una tecnica innovativa, d’avanguardia, non invasiva e praticamente invisibile per correggere casi di affollamento dentale in età adulta. Tale trattamento verrà accompagnato dallo Stripping: una specifica tecnica attraverso la quale l’ortodontista “ridurrà” la parte laterale di alcuni denti per creare lo spazio necessario agli altri elementi all’interno dell’arcata. Lo stripping è assolutamente indolore e non compromette la salute del dente su cui viene eseguito: si tratta infatti di ridurre la dimensione del dente di pochissimi millimetri, nulla di più!

 

Una volta risolto il problema dell’affollamento dentale saranno molteplici i miglioramenti ottenuti: semplicità nelle pratiche d’igiene quotidiana e nel mantenimento di una bocca pulita ed in salute, miglioramenti della postura, fine (nel caso in cui il soggetto ne soffrisse) di mal di schiena e del collo, miglioramento della qualità del sonno ed infine, ma non meno importante, un sorriso strepitoso da mostrare senza più sentirsi in imbarazzo per via dei denti disallineati o storti!

 

Lo sapevi che?

I soggetti che soffrono di affollamento dentale dovranno sottoporsi almeno 2 volte l’anno a sedute d’igiene orale professionale, in quanto il deposito di placca e tartaro e le difficoltà di una corretta pulizia di denti e gengive potrebbero compromettere la salute orale! Chiedi consiglio al tuo igienista di fiducia.

 

 

Menu