Nell’immaginario collettivo i batteri vengono considerati dannosi e “cattivi” per la nostra bocca e per la nostra salute generale. In realtà alcuni batteri rivestono un ruolo fondamentale per il nostro benessere.

Il biofilm batterico presente nel cavo orale viene spesso considerato il colpevole sia della malattia parodontale sia delle patologie cariogene. In alcuni casi, invece, i batteri si rivelano grandi alleati della nostra salute orale in quanto alcuni problemi dentali possono essere tenuti sotto controllo da una microflora sana ed equilibrata in cui i batteri “amici” contrastano la proliferazione di batteri “nemici”.

 

Ma vediamo nello specifico il rapporto tra la nostra salute e la presenza di questi batteri…

 

Il corpo umano ospita al suo interno un’altissima quantità di microrganismi, un numero talmente alto che può essere paragonato al numero di stelle presenti nella nostra galassia… insomma un piccolo grande universo di batteri che portiamo sempre con noi!

La funzione di questi microrganismi è la più varia: alcuni si occupano della digestione di alcuni cibi, altri ci aiutano nella regolazione del nostro metabolismo, altri ancora preservano la nostra barriera epidermica e gran parte di loro ci aiuta a tenere fuori dal corpo umano altri microrganismi per noi dannosi. Per questi motivi risulta importante salvaguardare l’ambiente in cui questi batteri “amici” vivono, per far sì che sia per loro favorevole.

In vari rami della medicina si stanno svolgendo studi specifici sul microbiota (soprattutto quello intestinale), in quanto si ritiene che abbia un’azione condizionante su un alto numero di patologie.

La tendenza nella nostra quotidianità è quella di combattere ed eliminare, attraverso mezzi meccanici e/o chimici, i ceppi batterici patogeni presenti nel cavo orale.

Come accennavo poc’anzi, i recenti studi hanno sottolineato come un equilibrio del microbioma salivare sia positivo per la salute della nostra bocca e che l’eliminazione di alcuni batteri “buoni” dal cavo orale potrebbe rivelarsi dannosa.

Obiettivo più facilmente realizzabile ed auspicabile sarebbe, quindi, quello di formare un ambiente ostile verso i batteri patogeni* e un ambiente salutare per quelli non patogeni che consentirebbero così di tenere sotto controllo diverse patologie.

Dagli studi è emerso che il microbioma salivare risulta maggiormente sensibile a fattori ambientali e meno a fattori genetici, confermando quindi che un corretto stile di vita consente di mantenere sotto controllo l’aspetto patogeno del microbioma salivare, influenzando lo sviluppo di malattie odontoiatriche. Un’altra considerazione emersa è stata quella sulla correlazione tra malattie croniche e degenerative e il microbioma salivare: sembrerebbe che un’analisi di quest’ultimo permetta una diagnosi precoce di queste malattie (Tale aspetto sottolinea l’importanza di stabilire quel rapporto di supporto e prevenzione tra odontoiatria e medicina).

 

Come aumentare il numero di batteri buoni nel nostro organismo…

La scienza è in costante sviluppo sul tema cercando un metodo per creare un ambiente salutare per i batteri “amici”, ma partiamo da alcuni comportamenti quotidiani attraverso cui è possibile aiutare il microbioma orale ad essere sano ed equilibrato:

  • Preferire cibi di origine vegetale: tra questi frutta, verdura, cereali, legumi, tofu e noci. Come si suol dire “la virtù sta nel mezzo” : non è necessario eliminare in modo radicale ogni prodotto animale dalla nostra alimentazione, ma sarebbe molto utile introdurre qualche alimento vegetale in più che favorisca un ambiente orale più equilibrato.
  • Ridurre il consumo di zuccheri. Dagli studi emerge come uno degli effetti nocivi di una dieta ad alto contenuto di zuccheri sia l’impatto sui batteri orali: questa favorisce la proliferazione di batteri che vivono in ambienti acidi e che sono spesso causa di patologie cariogene e malattie parodontali.
  • Evitare, il più possibile, le bevande acide. Queste sono nemiche della salute orale; anche le bibite senza zucchero possono alterare l’equilibrio dei microrganismi e destabilizzare la vita dei batteri buoni.
  • Tenere sotto controllo il diabete, cercando di gestire i livelli di glucosio nel sangue. Una perfetta igiene orale porterà un microbioma ben equilibrato che avrà effetti positivi anche sul controllo del diabete.
  • Eliminare cattive abitudini, come ad esempio il fumo. Perdendo questo vizio il fumo smetterà di danneggiare il delicato equilibrio dei microrganismi orali; in più smettere di fumare migliorerà la nostra salute generale!
  • Dedica cura ed attenzione all’igiene orale. Una buona igiene orale è alla base della salute della nostra bocca: il nostro consiglio è quello di lavarsi i denti almeno 3 volte al giorno e passare in modo accurato il filo interdentale dopo ogni pasto.

Ora che abbiamo un quadro più ampio su questo discorso possiamo cambiare il nostro punto di vista: i batteri, considerati cattivi nemici, potrebbero diventare preziosi alleati!

*I batteri patogeni sono agenti biologici responsabili dell’insorgenza di condizioni di malattia nell’organismo in cui si trovano. Tra questi abbiamo: virus, procarioti (batteri) ed eucarioti (miceti e protozoi).

Menu