Teethan risulta essere un importante strumento in grado di rilevare scientificamente i parametri dell’occlusione dentale, in modo semplice, rapido e non invasivo per il paziente.

Attraverso tale strumento innovativo sarà possibile effettuare l’analisi funzionale dell’occlusione dentale e la successiva valutazione dell’attività dei muscoli masticatori principali (ossia i temporali anteriori e i masseteri).

Tutti gli studi svolti e l’esperienza scientifica confermano e dimostrano l’elevata affidabilità di tale protocollo di valutazione occlusale, anche grazie alla possibile ripetibilità del suddetto esame.

In quale contesto è utile effettuare tale esame elettromiografico?

  • Prima visita: durante il primo incontro con l’odontoiatra questo strumento di tecnologia avanzata sarà fondamentale per migliorare la diagnosi del singolo caso.
  • Ortodonzia: prima di intraprendere un percorso ortodontico e una volta terminato, Teethan sarà estremamente utile in quanto permetterà di scegliere il percorso più adatto per il pazienti, di verificare il raggiungimento di un’occlusione equilibrata e di evitare le recidive.
  • Pazienti bruxisti, con problemi all’ATM e che utilizzano il bite: grazie al Teethan sarà possibile analizzare le varie componenti dei pazienti disfunzionali, comprendere se il soggetto è in grado di sopportare (a livello gnatologico) il trattamento a cui è sottoposto e controllare e rendere maggiormente funzionali i bite (verificando i rialzi occlusali o le variazioni di questi).
  • Riabilitazione protesica: Teethan si rivelerà una guida fondamentale per il ripristino funzionale del paziente a seguito di riabilitazioni protesiche. La valutazione occlusale, grazie a tale strumento sarà più approfondita e precisa, consentendo all’odontoiatra di effettuare (ove necessari) miglioramenti dell’occlusione, rendendo stabile e corretta la riabilitazione protesica

 

L’esame di Teethan valuta l’attività muscolare in massima intercuspidazione (ossia nel momento in cui si ha il maggior numero di contatti fra i denti) attraverso due step:

 

 

  1. Viene effettuato il test detto calibrazione, utilizzando dei rollini di cotone tra le arcate dentarie e serrando i denti.
  2. La seconda prova non prevede l’utilizzo di rollini di cotone, ma analizza la massima intercuspidazione durante l’occlusione naturale, nuovamente serrando i denti per alcuni secondi.

Ogni prova dura circa 5 secondi, ed una volta effettuate entrambe sarà possibile stabilire una vera e propria analisi dell’occlusione.

Il report che verrà generato conterrà diversi indici valutativi: consentirà di valutare l’attività complessiva dei muscoli temporali e masseteri, metterà a confronto l’attività muscolare dei suddetti, verrà analizzata l’intensità dell’attività muscolare e permetterà il confronto questa volta prenderà in considerazione i muscoli del lato destro rispetto a quelli del lato sinistro indicando un’eventuale asimmetria tra i due.

 

Per avere maggiori informazioni e per prenotare il tuo controllo periodico contattaci!

 

Menu