Caro paziente,
oggi parleremo del disturbo dell’ATM ( SINDROME TEMPORO-MANDIBOLARE) .

La salute dei vostri denti e della bocca è strettamente connessa alla salute ed al benessere generale .
Ne consegue che la prevenzione e l’educazione odontoiatrica, sin dai primi anni di vita, rappresentino un presupposto indispensabile per avere adulti con denti sani e per agire in maniera tempestiva su disturbi di vario genere, quali quelli muscolo-articolatori.

Tra questi ritroviamo il disturbo dell’ATM (articolazione temporo-mandibolare).
La sindrome dell’articolazione temporo-mandibolare, è caratterizzato dal malfunzionamento dell’articolazione che collega la mandibola all’osso temporale del cranio.

Tra i sintomi più diffusi abbiamo :

  • mal di testa
  • mal d’orecchio, (che può irradiarsi fino al viso),

  • tensione muscolare,

  • limitata capacità ad aprire la bocca ,

  • dolori al collo,

  • episodi di mandibola bloccata,

  • rumori articolari (veri e propri “Cric- crac”) aprendo e chiudendo la bocca,

  • dolore nello sbadigliare, nel masticare ,nel spalancare la bocca,

  • sensazione di affaticamento dei muscoli della faccia

Causa del disturbo: non sempre è possibile determinarla in maniera esatta , ma si ritiene che un fattore importante sia il sovraccarico di lavoro a cui i muscoli addetti alla masticazione sono sottoposti. In situazioni fisiche e mentali molto stressanti, a seguito di contrazioni prolungate di tali muscoli, le articolazioni della mandibola vengono sottoposte ad uno sforzo eccessivo e costante, dando luogo a tensione muscolare.

Ulteriori fattori aggravanti sono : digrignamento, soprattutto notturno, dei denti (bruxismo), traumi (es. colpo di frusta) , artriti, problemi di occlusione e altri problemi dentali. Ognuno di tali fattori non è da analizzare singolarmente, ma spesso si tratta di una combinazione tra loro.

Recenti studi hanno individuato nelle variabili psicologiche le cause che concorrono alla nascita di tale disturbo. Ansia e stress sono tra i motivi più frequenti di problematiche a carico dell’ATM; (questo dimostra quanto stress emotivo e salute orale siano relazionati).
L’approccio olistico considera l’uomo nella sua interezza, in cui ogni parte è legata all’altra. Il corpo umano non è più visto come un semplice contenitore di organi, ma ha preso forma l’idea di un sistema le cui componenti fisiche e psicologiche dialogano, simultaneamente, alla ricerca dell´equilibrio.

Nel trattamento delle disfunzioni dell’apparato masticatorio è necessaria, quindi, una valutazione globale, che consideri anche il fattore psicogeno.
Tra le ipotetiche cure ritroviamo la terapia con il laser a bassa intensità, molto usata per diminuire il dolore e l’infiammazione.
Ulteriore trattamento possibile è la terapia ortodontica che contribuirà alla salute generale del soggetto.

Curiosità : il disturbo dell’ATM colpisce in prevalenza le persone di sesso femminile.

Caro paziente non esiti a contattarci per un intervento multidisciplinare che agevoli l’integrazione dei vari aspetti coinvolti nell’eziologia, nello sviluppo e nel trattamento dei disturbi dell’ATM.

Menu